dietapuerari.it

Il pasticcio di pane

“El pastìs de páan”

Ingredienti per 4 persone:

1/2 litro di latte
1 pacco di pan carrè
1 uovo
200 gr. di fontina a fette
30 gr. di formaggio grana grattugiato
1 pizzico di sale
1 spolveratina di pepe
1 noce di burro

Preparazione

Far bollire il latte, indi mettere le fette di pan carrè in una teglia imburrata che regga al calore, aggiungendo il burro a fiocchetti e la fontina, indi versare sulle fette il latte bollente e continuare così, per strati successivi fin che c’è pane. Sull’ultimo strato mettere ancora fette di fontina e coprire con l’uovo sbattuto unitamente al formaggio grana grattugiato, al sale ed al pepe. Porre il pasticcio nel forno preventivamente riscaldato e lasciatevelo per circa 10 minuti, indi servire. Avendo in casa del pane raffermo, si può ovviamente usare quello, anziché il pane carrè, eventualmente avendo l’attenzione di eliminare la crosta se ritenuta troppo dura.

Difficoltà
Preparazione
Cottura
Costo
Servire

nessuna

15 minuti

10 minuti

basso

caldo

Abbinamenti

Verdure cotte in genere.

Abbinamento vino

Questo pane arricchito dalla saporita fontina, trova l’armonia con un buon rosso Terre di Franciacorta ’94 di Cavalleri.

Varianti

Una variante consiste nello sbattere le uova unitamente a 1/2 bicchiere di latte e tre cucchiai di formaggio grana grattugiato e nel versare il tutto su un unico strato di fette di pane. Si completa cospargendo la superficie con un poco di formaggio grana grattugiato e qualche fiocchetto di burro, per cuocere poi nel forno, a fuoco moderato, per una ventina di minuti.

Curiosità e notizie

Il pane è stato da sempre considerato un bene prezioso, da non consumare. Le ricette che prevedono l’utilizzo del pane raffermo non si contano: sin da bambini si apprendeva che "Gesù era sceso da cavallo per raccogliere un boccone di pane" quasi a voler sottolineare anche con un tocco di religiosità, la sacralità del pane.

Scheda dietologica

Non c’è alimento più semplice del pane. Eppure per descriverne i componenti principali (amidi) si usano talmente tanti termini che è facile confondersi. Ecco l’elenco più sbrigativo: carboidrati, glucidi, polisaccaridi, zuccheri composti, amidi. Carboidrati è il termine più appropriato: sono molecole costituite da una catena di atomi di carbonio legati a tanti atomi di ossigeno ed idrogeno quanti quelli dell’acqua. Carboidrati = carbonio + acqua. Glucidi, è un termine spesso utilizzato, deriva dal fatto che tutti i carboidrati si trasformano nel nostro organismo in uno zucchero semplice, il glucosio. Polisaccaridi e zuccheri composti hanno lo stesso significato, stanno ad indicare una catena di tanti zuccheri semplici uniti tra loro. Amidi infine sono i carboidrati più diffusi, sono il costituente principale del pane, si tratta di catene ramificate di glucosio. Cinque termini quindi per dire la stessa cosa! è più semplice mangiare il pane che descriverlo! Questa ricetta ad esempio, per la presenza di latte, uova e burro trasforma il pane in un piatto completo da 660 calorie circa a porzione. Buon appetito... senza pensare alla chimica!

Mangiàa nustràan [4]
Links
  1. http://www.dietapuerari.it/index.php?module=Profile&func=view&uname=admin
  2. http://www.dietapuerari.it/index.php?module=Profile&func=view&uname=tez
  3. http://www.dietapuerari.it/index.php?module=Pagine&func=view&prop=Main&cat=10010
  4. http://www.dietapuerari.it//index.php?module=Pagine&func=display&pageid=41
  5. http://www.dietapuerari.it/index.php?module=Pagine&func=display&pageid=45&theme=printer